As the world turns, so do its people

A sand dune is composed of billions of grains of sand, as are we: in exile, refugees, requesting asylum, migrants. We have arrived from many different origins, but we are  joined together in our common intent of creating a new life for ourselves. Our past has been razed to the ground, our houses blown apart, our mothers and fathers dead, either killed or felled by famine or illness, our friends dispersed or in hiding. We have, however, our future, however uncertain, which we are determined to rebuild. We are in the middle of the desert surrounded by dunes. But in our dreams we see the Oasis Ahead. In Hausa, the language spoken by the Tuareg, one says Zango Gaban. We hope it is not a mirage.

Come gira il mondo, girano i suoi abitanti

Una duna di sabbia è composta di miliardi di granelli di sabbia, come noi esiliati, profughi, migranti. Siamo arrivati da tutti i continenti della terra, diversi di origine ma accomunati nel nostro necessita di creare un nuova vita. Nostro passato è stato raso al suolo, nostre case esplose, nostri parenti morti ammazzati o per malattie,  nostri amici dispersi o nascosti. Abbiamo comunque nostro futuro, assai incerto, ma lo vogliamo costruire. Siamo in mezzo al deserto con le dune che ci circondano, ma vediamo nei nostri sogni l'Oasi in Arrivo. Nel Hausa, la lingua dei Tuareg si dice Zango Gaban. Speriamo che non sia un miraggio